PAPERBLOG

sabato 19 maggio 2018

LE QUALITA’ PROFESSIONALI DELL’ ANIMATORE

Risulta difficile determinare un quadro preciso delle qualità professionali che un animatore deve possedere, nonostante l’intensificarsi degli studi e delle ricerche riguardanti questo specifico settore. Esistono delle qualità di base che se efficacemente integrate alle doti naturali, contribuiscono a delineare, il profilo professionale dell’animatore. Un professionista deve possedere delle caratteristiche comuni a molti individui come ad esempio, la simpatia, un carattere estroverso, ecc. Queste qualità naturali, sono oggetto di quella che viene comunemente definita formazione "generica" dell’animatore. Vi sono però, altri tipi di qualità che risultano essere determinate esclusivamente dal carattere e cioè: la capacità di organizzazione, la capacità di affiatamento, la capacità di mantenere l’autocontrollo, la disciplina, comprensione per le emozioni altrui ecc. Un altro tipo di qualità che un professionista deve possedere è rappresentato dalle capacità "interiori" ovvero, sapersi integrare nei diversi contesti sociali in cui opera. E’ indispensabile in taluni ambienti saper cooperare, adattarsi alla convivenza ed ai problemi che inevitabilmente insorgono nel periodo di lavoro. Queste sono in linea generale, le qualità di base che l’animatore al di là del tessuto lavorativo cui opera, deve possedere e sviluppare. Tendenzialmente si tratta quindi, di doti naturali e di qualità legate alla flessibilità caratteriale dell’individuo. Occorre perciò, dedicare particolari attenzioni a queste qualità, che rappresentano i cardini principali intorno ai quali ruota il profilo professionale dell’animatore. Risulta possibile sviluppare, potenziare, affinare queste doti attraverso la volontà, l’impegno, l’esperienza e lo studio. Sarà quindi necessario confrontarsi con gli altri, acculturarsi, diventando in tal modo protagonisti di azioni e di iniziative concrete, reali, cui si possa dare libero sfogo alla personalità individuale. L’animatore deve divenire indipendente, acquisire conoscenze sia di tipo teorico che pratico ( vedere altri lavorare, partecipare a stage formativi, studiare sui libri di testo, accedere a corsi di formazione ecc.). Tutti nascono con attitudini diverse, ma le capacità interiori come la fantasia, la creatività, possono essere potenziate mediante una giusta impostazione ed una corretta educazione formativa. L’animatore deve accrescere le proprie capacità, facendo divenire ciò che è frutto di studio, apprendimento, qualità interiori, un fatto spontaneo e quindi naturale. Analizzando gli elementi che rappresentano le qualità dell’animatore professionalmente efficiente, possiamo affermare che queste, sono legate anche alla sua personalità e ad una serie di elementi attivi o passivi che la compongono. Questi elementi in altre parole, scaturiscono non tanto dalla preparazione tecnica quanto piuttosto, dalla personalità dell'animatore. Gli elementi attivi della personalità dell'animatore sono: A- l'atteggiamento positivo verso gli altri. B- la considerazione, la cortesia e la discrezione riguardo il prossimo. C- la pazienza e la comprensione D- l'imparzialità E- la passione e l'amore verso la professione Gli elementi passivi della personalità dell'animatore sono : A- l'intolleranza B- l'inclinazione a favoritismi C- l'atteggiamento superbo verso gli altri D- l 'insensibilità umana e la presunzione E- mancanza di spirito di adattamento Queste qualità fanno quindi parte della personalità dell'animatore e si manifestano sia all'interno dell’équipe di lavoro, che in tutte le relazioni sociali. Occorre quindi stabilire relazioni positive, basandosi principalmente sulla cooperazione, sulla comprensione e l'affiatamento. Le qualità professionali possedute dall’animatore contribuiscono in maniera determinante a dispensare, attraverso le tecniche dell’animazione, un valido aiuto per l’utente, nella sua caratteristica umana di intelligenza creativa, cioè che crea un modo di fronteggiare sempre nuovi problemi e di risolverli in maniera originale. Il ruolo dell’animatore in una situazione siffatta, è quello di fornire all’utenza la tecnica corretta, ogni qual volta si affronta una nuova attività e di controllare poi, se tale utenza si avvale della metodologia appena insegnata, quando si trova a dover affrontare una attività similare. Nell’animazione, non si trascurano distinzioni importanti quali, la differenza tra un problema presentato e uno scoperto, tra l’attività presentata e quella scoperta, tra un bene creato e quello semplicemente riprodotto. Nell’animazione si pone l’attenzione sul fatto che le abilità acquisite in una certa situazione, si possono trasformare al punto da essere riutilizzate anche in situazioni diverse. Esistono diversi sistemi per raggiungere lo scopo prefissato e si fa in modo che il gruppo possa rispondere ad una determinata situazione, in molte e quindi in diverse maniere. Grazie alle sue qualità, l’animatore è in grado di introdurre elementi nuovi e sconosciuti nell’ambito dell’attività svolta e di trattare idee, escogitare situazioni, che possono essere ignote sia al suo gruppo che a lui stesso. Il suo impegno è quello di dare a coloro che beneficiano della sua opera, la sensazione di “creare” attività inedite, non “preconfezionate” rendendo gli utenti fantasiosi e creativi. Un professionista del settore sa bene che gioco e lavoro viaggiano sullo stesso binario, le due cose devono perfettamente combaciare. Il compito dell’animatore è quello di adoperare le sue qualità ed abilità per favorire lo spirito di gruppo, la socializzazione, la libera iniziativa. Ciò non significa lasciar fare al gruppo ciò che vuole, non si vuol dire con questo che l’animatore debba abdicare completamente al suo ruolo di controllo. Al contrario, un professionista esperto è colui che mantiene sempre il suo ruolo di guida, di leader, ma che lascia ampio spazio all’iniziativa e stimola, invoglia, il gruppo alla partecipazione attiva incoraggiando i suoi membri a porre domande ed a cercare nuove soluzioni. AVVISO. Per quanti volessero lavorare nel settore dell’animazione turistica segnaliamo dunque Animandia http://www.Animandia.it Animandia è sito di servizi e annunci nato oltre 16 anni fa allo scopo di sostenere e favorire lo sviluppo del settore dell’animazione turistica. Animandia
opera attraverso il mercatino di annunci ed inserzioni, a disposizione di tutti gli interessati. Nel mercatino di Animandia, ci sono numerose offerte di lavoro sia su territorio Nazionale, ma anche suddivise per singole Regioni . Ogni annuncio di offerte lavorative riporta, oltre la descrizione del personale richiesto, anche i recapiti (email. e tel) di tutte le aziende associate che ricercano animatori vari ruoli, anche alla prima esperienza, prevalentemente si tratta agenzie di animazione, tour operator, organizzazioni vacanze e anche di strutture turistiche Ultima cosa da dire, Animandia mette a disposizione degli interessati un comodo servizio gratuito chiamato Curriculum espresso, mediante il quale è possibile inviare il proprio CV alle agenzie aderenti all'iniziativa. In pratica, inviando a mezzo posta elettronica ( candidato@animandia.it) un breve curriculum, la redazione di Animandia provvederà a sua volta ad inoltrarlo a tutte le imprese associate che ricercano personale. In questo modo si contattano decine di aziende simultaneamente, aumentando così le possibilità di poter trovare impiego.

Nessun commento: